Il primo giorno alla scuola dell'infanzia

Infanzia 1E' suonata oggi la prima campanella della scuola dell'infanzia anche per i bambini di tre anni.

Anche per loro è così iniziata l'avventura della scuola.

Le reclute, accompagnate dai genitori, sono state accolte, dalle loro maestre, dai bambini di quattro e cinque anni che, nelle vesti di anziani, ne hanno accompagnato l'ingresso con canti di benvenuto, palloncini e tanta allegria.

A tutti loro, reclute e anziani, l'augurio di tutta la nostra scuola per un felice anno scolastico e un futuro radioso.


E' iniziato il nuovo anno scolastico

Avvio primariaIl classico suono della campanella ha accompagnato l'ingresso prima degli alunni della scuola primaria e poi di quelli della secondaria, segnando così l'inizio ufficiale del nuovo anno scolastico.

Un particolare clima di festa ha accolto l'ingresso nella loro nuova scuola degli alunni della prima classe della scuola primaria.

Accompagnati dai genitori, con le nuove insegnanti e le colleghe che li hanno accompagnati nella scuola dell'infanzia, sono stati accolti dai compagnetti di un anno più grandi che, ormai nel ruolo di 'veterani' della scuola, li hanno incoraggiati con applausi e lo sventolio di bandierine.

Il taglio del nastro ha sancito l'ingresso dei bambini nelle rispettive aule.

A tutti l'augurio che i sorrisi e l'allegria di oggi, accompagnino gli alunni, le loro famiglie e le insegnanti, per l'intero anno scolastico, e non solo.


Pubblicati gli elenchi dei libri di testo adottati per l'anno scolastico 2016/2017

Sono pubblicati, nell'area dedicata del sito, i libri di testo adottati per la scuola primaria e per la scuola secondaria di primo grado per l'anno scolastico 2016/2017.

I libri di testo adottati per l'anno scolastico 2016/2017 per la scuola primaria

I libri di testo adottati per l'anno scolastico 2016/2017 per la scuola secondaria


Le docenti della scuola dell'infanzia incontrano i genitori degli alunni di tre anni.

accoglienzaGiovedì 8 settembre, alle ore 9.30 nel plesso Polivalente di piazza Unità d'Italia, le docenti della scuola dell'infanzia incontreranno i genitori degli alunni dei tre anni che tra qualche giorno cominceranno lla loro esperienza scolastica.

Nel corso dell'incontro verranno illustrate le attività di accoglienza e saranno fornite le informazioni necessarie per il sereno avvio delle attività didattiche.


I riti della settimana santa ad Augusta

Venerdì santo‘Riti e tradizioni della settimana santa ad Augusta’ è stato il tema dell'incontro che ha visto impegnati gli alunni delle terze classi della scuola secondaria di primo grado.

Relatore il prof. Angelo Patania, cultore di storia locale, e già segretario della Commissione di Storia Patria di Augusta, che ha proposto immagini storiche a supporto dell'apprezzatissimo intervento che, come ogni anno, ha lo scopo di diffondere il valore delle tradizioni storiche della nostra città anche tra i più giovani.


L'asta di San Giuseppe 2016

Asta 2016Anche quest'anno la giornata di san Giuseppe è stata festeggiata a scuola con l'asta e l'abbuffata di 'cudduruni', la tipica pizza augustana, e del 'bastone' nella versione tradizionale di torrone di mandorle e in quella adattata ai più piccoli, che consiste in un gran dolce ripieno di nutella.

L'asta del plesso centrale ha avuto quast'anno un nuovo banditore, il collaboratore scolastico Mario Matarazzo, SuperMario, come lo chiamano gli alunni della scuola secondaria che, sebbene chiamato a sostituire il banditore ufficiale all'ultimo momento, a causa di una indisposizione, se l'è cavata benissimo contribuendo al divertimento degli alunni.


Come vivono i nostri ragazzi il rapporto con la zona industriale

La percezione della zona industriale nei più giovani conclusioniAbbiamo chiesto agli alunni della nostra scuola secondaria di primo grado di rispondere ad alcune domande per aiutarci a comprendere come i ragazzi tra gli 11 e i 13 anni vivono il rapporto con la zona industriale.

Il questionario è assolutamento anonimo e non contiene nessun elemento che possa permettere di risalire all'identità del compilatore.

Si tratta di un'indagine che non vuole avere valore statistico ma che fornisce comunque alcuni elementi utili a capire quello che rappresentano per i ragazzi di quell'età le industrie presenti nel nostro territorio.

I risultati sono stati discussi nel corso della tavola rotonda che si è svolta presso il salone del Circolo Unione di Augusta, sabato 12 marzo, organizzato dall'Università di Catania.

Ecco i risultati.


Come nasce una mafia, raccontato da Angelo Migliore

Migliore 1Il gruppo di alunni che partecipa al progetto 'Contro le mafie progettiamo a colori', assieme alle terze classi della scuola secondaria, hanno incontrato ieri il dott. Angelo Migliore, per lungo tempo dirigente della squadra mobile della Polizia di Stato a Siracusa, ora in pensione, autore del libro "Come nasce una mafia. Nelle viscere della provincia «babba»".

Il dott. Migliore ha raccontato ai ragazzi, particolarmente attenti e interessati, la storia della mafia nella provincia di Siracusa, nota fino alla fine degli anni settanta come la «provincia babba», proprio perchè si riteneva immune dalle infiltrazioni della mafia.

Il dott. Migliore ha invece raccontato di come sia nata e si sia insediata la criminalità mafiosa a Siracusa e provincia, la sua evoluzione e la lotta delle istituzioni.

La grande curiosità dei ragazzi rende necessario un secondo incontro, non appaena sarà disponibile la nuova edizione del libro, attualmente esautrito nelle librerie.


Successo della Fiera del dolce

Fiera del dolce 2016Anche quest'anno la 'Fiera del dolce', organizzata dal comitato dei genitori per rincrementare il Fondo di solidarietà, utilizzato per sostenere gli alunni le famiglie attraversano un momento di difficoltà economica, si è rivelata un successo.

Il ricavato della Fiera è stato di 1.513,340 €, di cui 842,34 € nel plesso princiaple e 671,00 € nel plesso Polivalente.

Un risultato che dimostra, nonostante il momento economicamente difficile per tutte le famiglie, la sensibilità delle famiglie degli alunni verso i problemi dei meno fortunati.


Giovanna Raiti racconta il fratello Salvatore vittima della mafia

Giovanna RaitiNell'ambito del progetto 'Contro le mafie progettiamo a colori', Giovanna Raiti ha incontrato gli alunni della scuola secondaria.

La responsabile provinciale della memoria dell'associazione Libera ha raccontato la storia del fratello Salvatore, il giovane carabiniere ucciso nell'agguato mafioso il 16 giugno del 1982, nella circovallazione dei Palermo, assieme ad altri due colleghi e all'autista del furgone che trasportava il boss catanese Alfio Ferlito dal carcere di Enna a quello di Trapani.

I ragazzi, che hanno seguito con grande emozione il racconto del dolore di quella che allora era una ragazza di diciassette, e della sua famiglia, alla fine hanno consegnato a Giovanna Raiti un mazzo di fiori che lei ha poi portato sulla tomba del fratello.

Guarda il servizio su Webmarte.tv


news 03

***

Si riporta lo stralcio dell'art. 4 del Decreto del Presidente del Conisglio dei Ministri dell'01.03.2020 che stabilisce l'obbligo del certificato medico per la riammissione degli alunni dopo il quinto giorno di assenza.

Art. 4 (Ulteriori misure sull'intero territorio nazionale)

1. Sull'intero territorio nazionale si applicano le seguenti misure:

....

c) la riammissione nei servizi educativi per l'infanzia di cui all’artico l 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65 e nelle scuole di ogni ordine e grado per assenze dovute a malattia infettiva soggetta a notifica obbligatoria ai sensi del decreto ministeriale 15 novembre 1990, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 8 gennaio 1991, n. 6, di durata superiore a cinque giorni, avviene, fino alla data del 15 marzo 2020, dietro presentazione di certificato medico, anche in deroga alle disposizioni vigenti;

....

***

totem-istituto-costa light

Shinystat

Contatore

Visitatori
36
Articoli
494
Web Links
7
Visite agli articoli
3422617